Progetto “Pollicino e Alice" XX Edizione - relazione di fine percorso

Con l’assegnazione dei premi relativi al consueto Bando di concorso si è conclusa la XX Edizione del noto Progetto “Pollicino e Alice - Adolescenti testimoni di parità” con il quale la Fondazione “Roberta Lanzino” ogni anno accompagna un migliaio di studenti della regione Calabria in articolati percorsi culturali sul tema del contrasto alla violenza di genere. La situazione pandemica e il rigoroso lockdown del 2020 non ha dunque fermato la realizzazione complessiva del programma, ha solo diluito i tempi di calendarizzazione degli incontri formativi, l’ultimo dei quali, un circle time guidato da una psicologa dell’Università Roma 3, si è svolto in DAD. Affrontare attraverso uno schermo il complesso tema della matrice del SENTIMENTO e delle sue infinite sfumature ci faceva temere un flop ed invece l’esperienza della DAD, grazie alla sapiente arte maieutica della formatrice, ha registrato una davvero attiva e vivace partecipazione degli studenti. Importante il bilancio complessivo:13 scuole; circa mille studenti; 59 incontri formativi; 121 lavori prodotti dagli studenti; due borse di studio; Un concorso a premi. Resta viva la delusione di avere dovuto annullare la manifestazione conclusiva, quella Giornata della condivisione, che ogni anno porta qui a Cosenza tutta la popolazione scolastica del Progetto.

 

 

VINCITORI BORSA DI STUDIO NOVEMBRE 2019– Liceo Scorza di Cosenza:

Legislazione di parità

NOMINATIVI

CLASSE

LAVORO

Fortino Chiara - ConfortI Valeria

VD

Video – Le Iene Interviste: Quote rosa

Leonetti F - Montemurro N. – Pastore - Naccarato

VG

Canzone sul tema dell’aborto

 

VINCITORI BORSA DI STUDIO NOVEMBRE 2019– Liceo Scorza Cosenza:Voci di donne

TITOLO

NOMI

CLASSE

Video - Seduta di laurea

Fortino -Torchia - Mazzei

III H

Video - Come araba fenice

Amato-De Cicco - Russo

III C

Opuscolo - Non è normale che sia normale

Carelli Covelli-Gallo-Nuzzolo

III D

Opuscolo – Tante storie

De Marco-Luciano

IV D

Fumetto – Pesi

Verta - Ruffolo

III H

 

CONCORSO  2019-21: La scrittura e la parola, nella voce della donne in difficoltà

SCUOLA E CLASSE

LAVORO

VINCITORI

LICEO “S. Caterina” - Paola

 

Video: Storia di Silvia

 

Ailimka A. - Calatafini F. - Lamanna G. - Sciammarella S. - CLASSE V SEZ Unica

LICEO “Lucrezia

 Della Valle” - Cosenza

 

Video: Omnia vincit amor

 

Unale G. - Amodio S. - Arabia L. - Belfiore G. - De Cicco L. - Mughetto V. - Tramaglino F. - D’acri

Classe V A

LICEO “Rechichi” - Polistena

Quadro: La speranza

 

Studente: Scionti Valentina

 Classe IV A/SU

ITIS “Milano” Polistena

 

Video: L’amore vero non fa male

Opuscolo: Ama te stessa

Studenti: Classe V E

Manno- Salvatore-Tripodi-Morabito

Franco – Caccamo- Aquino-Morano

MONACO - Cosenza

 

Power point:

C’è posta per te

Studenti: Classe II A Informatica

La RETE di scuole intervenute è così costituita: a Cosenza: I Licei” Della Valle” e “”Scorza” e l’ITI “Monaco”; a Rende: il Liceo “De Vincenti”; a Paola: il Liceo “Santa Caterina”; a S. Giovanni in Fiore: i Licei classico e delle Scienze sociali; a Fagnano: il Liceo classico; a Vibo: i Licei: “Berto” e “Capialbi”; a Pizzo: l’Istituto Nautico; a Polistena: il Liceo “Rechichi” e l’ITI “Milano”. Come era prevedibile, la proroga del progetto, ha naturalmente creato alcuni disguidi laddove le classi interessate erano le Quinte, che all’avvio del nuovo anno scolastico 20-21, sono state sostituite da altre classi e dunque da studenti diversi da quelli che avevano iniziato il percorso.
In ciascuna scuola sono stati realizzati tre incontri in presenza. L’ultimo incontro, invece, realizzato nell’arco temporale Febbraio-Marzo 21, si è realizzato in DAD.
Il tema centrale di questa edizione ha riguardato l’analisi dei SENTIMENTI variamente declinati sulla questione della relazione tra i generi. Il percorso, che ha previsto anche due incontri di aggiornamento degli adulti educanti, è stato introdotto dalla proiezione di tre film: The Wife – Vivere nell’ombra; Wonter; Il diritto di contare. Gli incontri, guidati da esperti della psicologia dell’età evolutiva e dalla testimonianza diretta delle operatrici della Fondazione, sono stati caratterizzati da formule metodologiche inclusive, sempre precedute da spazi di interventi frontali di chiarimento e di informazione. 
Nel periodo del lockdown rigoroso, primavera 2020, pur costretti ad interrompere lo scorrere del progetto, non si è voluto completamente staccare la spina. L’invito agli studenti di mantenere vivo il contatto, attraverso la scrittura e la corrispondenza on line, si è concretizzato attraverso la proposta di “Un treno di voci in arrivo” che ci ha consentito di leggere e sentire gli umori dell’adolescenza al tempo del coronavirus. Gli scritti pervenuti ci hanno rinviato l’immagine di giovani maturi: certo nostalgici del gruppo, ma anche capaci di apprezzare una riconquistata familiarità con i loro “vecchi”: genitori e nonni, come pure una riconquistata riappacificazione con la scuola, di cui tra le righe, si traggono note di sincera nostalgia. Raccoglieremo in forma antologica questi scritti e li consegneremo ai docenti, perché, dalla attenta lettura, possano trarre elementi di conferma del loro positivo giudizio su questi ragazzi che sembrano darci lezione di resilienza, per come, pur da una situazione non poco   complessa, abbiano saputo rilevare elementi di luce.

Come sempre, anche questa edizione troverà spazio descrittivo nella rivista monografica “Oltre il disagio” che sarà diffusa nelle scuole. 
L’appuntamento, con i ragazzi che frequentano classi intermedie, è per il prossimo anno. Ai docenti referenti con cui abbiamo sempre interloquito, e a dirigenti, il nostro grazie per la fiducia, la condivisione, l’opportunità che ci date aprendoci le porte della scuola.